Scienza - Tecnologia

Il pianeta dei Robot

L’uomo è la scienza. O, meglio, l’uomo era la scienza. Per millenni l’essere umano si è prodigato in ricerche, formulazione di teorie, e la scienza è diventata l’unico canone di verità – salvo poi scoprire che le verità scientifiche sono tali finché qualcuno non le confuta, come successe per Newton.
Ieri si diceva che la religione – e potremmo comodamente dire tutto l’ambito irrazional-sentimentale – è stata sconfitta dalla scienza, e Dio morì più o meno in silenzio. Oggi, invece, si comincia a mormorare della morte della ragione, e saremmo portati a dire, quindi, anche della scienza. Eppure non sembra essere così: l’uomo, sempre più disilluso anche della sua stessa umanità, sempre più disincantato difronte ad una vita di cui ha smesso di percepire (e cercare?) il senso, proprio quest’uomo ha cominciato a delegare tutto alla macchina. Ormai internet con le sue informazioni è diventato un’estensione naturale della nostra memoria, lo smartphone del nostro corpo. E, come se avessimo smesso anche di immaginare, presto sembra che le macchine sopperiranno ai nostri deficit cognitivi e – la cosa più triste – artistici.
Qui, in fondo, la questione non è tanto il sopravvento della macchina sull’uomo, ma l’uomo che ha smesso di cercare se stesso.

Previous post

Isole Ebridi, Scozia

Next post

Suez 1956

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

C.G.

C.G.

Tutto per voi gratis!